Home arrow Scuola e Università arrow GLI ANNI DELLE PROMESSE MANCATE. IL GOVERNO PRODI E LA POLITICA UNIVERSITARIA
GLI ANNI DELLE PROMESSE MANCATE. IL GOVERNO PRODI E LA POLITICA UNIVERSITARIA E-mail
di Giliberto Capano
19 febbraio 2008

UniversitàI due anni del governo Prodi II sono stati davvero malinconici per l’università italiana. A fronte di tante promesse, e di tante speranze, ben poco è stato realizzato. Come mai? Non si è trattato di assenza di idee e di soluzioni, perché queste, condivisibili o no, c'erano. Semplicemente non si è riusciti a perseguire e a concretizzare un elemento essenziale per ogni strategia di governo delle politiche: mettere le persone giuste (politici e dirigenti amministrativi) al posto giusto. Senza questo elemento imprescindibile è stato impossibile affrontare con successo la percezione sociale, largamente condivisa, che l’università serva a poco.

 

La vittoria del centro-sinistra nel 2006 aveva acceso molte speranze in tutti coloro che continuano a credere che sia possibile salvare il sistema universitario italiano dal baratro nel quale lentamente sta sprofondando. Il programma elettorale proponeva alcuni punti importanti: arrivare a 10 miliardi di euro di finanziamento all’università nel corso della legislatura, a fronte dei 7 miliardi scarsi di partenza, nuove regole per i concorsi universitari, l’implementazione delle procedure di valutazione, una legge sull’autonomia universitaria, la correzione della riforma del 3+2, finanziamenti di livello europeo per il diritto allo studio, e altro ancora: al di là della retorica era un buon programma (forse una delle parti migliori e meno evanescenti delle 281 pagine del "mitico" programma dell’Unione). Quali gli obbiettivi raggiunti nei due anni che il governo Prodi ha potuto sopravvivere? Scarsi, decisamente.

 

Tra le poche cose fatte vi sono certamente la conclusione del percorso di formulazione normativa del dm 270/04 (la riforma della riforma del 3+2), la definizione del quadro normativo per la costituzione dell’ANVUR (l’agenzia per la valutazione del sistema universitario e della ricerca) e il regolamento sulle nuove modalità da ricercatore (merita osservare però che l’attuazione dell’ANVUR e delle regole per nuovi concorsi per ricercatore è, di fatto, demandata al prossimo governo…). Per il resto qualche briciola (un paio di migliaia di posti da ricercatori aggiuntivi per il triennio 2007-2009), qualche buona azione (uno stop alle università telematiche), tante buone idee (come quella di rilanciare il dottorato, ad esempio) e basta. A fronte di questi scarsi successi, abbiamo avuto una avvilente debacle sul fronte delle risorse: la finanziaria 2007 ha tagliato di 300 milioni il finanziamento alle università, la finanziaria 2008 prometteva qualcosa (550 milioni di euro) e alla fine, forse, ne darà un paio di centinaia. I Progetti di Interesse Nazionale (cioè a dire i progetti che finanziano la ricerca di base universitaria) per il 2007 sono partiti con sei mesi di ritardo (si erano persi i soldi…) e ancora ne attendiamo l’assegnazione. Ad agosto 2007 i ministri Padoa Schioppa e Mussi avevano proposto un patto all’università, in cui si promettevano risorse aggiuntive legate ad una valutazione seria. Non è successo nulla, ma si sa, la politica ad agosto ama cicalare. Che dire poi dei concorsi per le fasce professorali? Bloccati da due anni perché la legge 230/05 fatta approvare dal ministro Moratti presenta notevoli problemi di attuazione: bene, ma se è una legge è mal fatta la si cambia. E invece niente. La riforma della riforma del 3+2, poi, se si caratterizza per tentare di porre dei limiti alla fantasia creativa, e conservatrice, di noi professori universitari, al tempo stesso mostra una particolare propensione alla smania normativa, alla regolamentazione minuta di qualsiasi aspetto delle attività didattiche. Ma si sa, quando non si è capaci di governare si legifera, si norma, si regola.

 

Insomma, si tratta di un bilancio davvero poco significativo, ai limiti del risibile. Le grandi promesse sono svanite nel nulla. Tante energie spese da parte di alcuni individui (pochi per la verità) con ruoli istituzionali, totalmente vanificate. Come è stato possibile? Credo che una riflessione sull’inconcludenza del governo Prodi sull’università sia importante e necessaria, a futura memoria, per imparare.

 

Nel caso della politica universitaria ritengo che siano solo parzialmente rilevanti i fattori strutturali che hanno reso "debole" il secondo governo Prodi. La frammentazione della coalizione, la sua debolezza parlamentare, la flebile leadership sono stati elementi "lontani", di "sfondo". A contare sono stati altri fattori. Tra questi i più rilevanti sono almeno tre:

 

  1. La sostanziale irrilevanza sociale dell’università e il discredito di cui essa gode all’esterno. Piaccia o non piaccia l’università italiana non è considerata dai cittadini e dalla sua classe politica come un’istituzione utile. Non è un fattore di mobilità sociale. Quindi a che serve? D’altra parte quando si tratta di recuperare risorse finanziarie (come nel caso dell’ultima legge di bilancio in cui, dovendo "pagare" le pressioni degli autotrasportatori, si sono sottratti 30 milioni dal capitolo università), questa percezione dell’irrilevanza del settore universitario emerge con indiscutibile evidenza. A questo proposito mi sia consentito di rammentare una piccola vicenda personale che considero assolutamente significativa. Nell’autunno del 2006 ebbi l’occasione di poter rivolgere alcune domande sul disegno di legge finanziaria-2007 al ministro Padoa Schioppa. Gli feci osservare quanto fossero poco condivisibili le norme sull’università che esso prevedeva (lacci, laccioli, vincoli di spesa, ecc.). Lui mi rispose con grande durezza e con evidente convinzione: "Caro professore, lei ha ragione. Queste norme sono rozze. Ma non è colpa nostra se le università non sono capaci di governarsi". Io pensai che se anche una persona che stimo immensamente, di grande cultura e senso dello Stato come Padoa Schioppa mostrava un tal disprezzo per l’università, la situazione era davvero irrecuperabile.
  2. La pessima scelta del personale politico messo a capo del ministero. Mettere insieme il ministro Mussi e i sottosegretari Modica e Dalla Chiesa sarà servito alle alchimie della coalizione, ma di certo ha creato un mix assai male assortito. Un ministro certamente intelligente ed abile retore, ma assai poco interessato a "governare" e più interessato a "fare politica" (come non ricordare che Mussi ha prospettato in almeno un paio di occasioni le dimissioni a causa di una disattenzione del governo alle esigenze finanziarie e che queste dimissioni non si sono mai concretizzate nonostante, di fatto, nessuna delle richieste avanzate fosse stata accettata). Un sottosegretario assai esperto di tematiche universitarie con il difetto di appartenere sì allo stesso partito del ministro, ma ad una corrente diversa. Un altro sottosegretario, peraltro professore universitario, al quale sono state assegnate deleghe marginali. Non poteva funzionare. E per rompere la cappa di sfiducia collettiva rispetto all’università e riuscire a indirizzare un’azione efficace c’era bisogno che a capo del ministero vi fosse un gruppo di politici competenti, motivati e coesi.
  3. Un apparato dirigenziale del ministero caratterizzato da una cultura amministrativa tradizionale, legata ad una concezione formalista e legalista del ruolo. In casi di questo tipo se la dirigenza apicale degli apparati non viene immediatamente sostituita essa costituisce uno dei principali vincoli all’azione dei decisori politici. Non avere il coraggio di procedere in questo senso si è rivelata dimostrazione di inadeguatezza a governare.

Si possono avere belle idee per cambiare la politica universitaria, si possono fare tante promesse, ma per cambiarla davvero è necessario disegnare e perseguire un’azione strategica di ampio raggio, individuando politici capaci (di trattare con i propri colleghi, di costruire strategie negoziali con gli attori esterni) e dirigenti competenti, leali ed orientati al cambiamento. Ed è necessario che i governi non prendano solo atto delle difficoltà che le università hanno nel governarsi, ma anche che abbiano la voglia e il senso di responsabilità di cambiare questo stato di cose.

 

Senza questi elementi qualsiasi promessa per l’università sarà sempre una promessa mancata.

 

Giliberto Capano

  Commenti (4)
la scuola che non c'è
Scritto da gianni paone, il 03-09-2008 10:43
In merito all'attenzione dei programmi elettorali sulla scuola mi pare che nessuno (anche se con evidenti differenziazioni tra i vari schieramenti) faccia del tema dell'istruzione ai vari livelli, uno dei temi di centrale importanza. Questo la dice lunga sulla scarsa attenzione che si ha in generale sulle politiche di sviluppo (l'istruzione ai livelli sempre più alti come volano dello sviluppo economico e sociale di un Paese) ed in particolare sulle condizioni dei nostri giovani.  
I diversi studi sul sistema scolastico italiano concordano nel ritenere il livello di preparazione dei nostri ragazzi sempre più insufficiente ed inadeguato a fronteggiare la complessità del mondo moderno. Ad una scuola elementare per molti versi ancora eccellente (ma ancora per quanto?) segue una scuola media che rappresenta un vero e proprio "buco nero" dell'istruzione; per non parlare poi dell'università (e del nuovo ordinamento del 3+2) che rischia di sfornare una moltitudine di semianalfabeti.  
Occorre riaffermare (non solo nelle parole ma anche nelle azioni) la centralità dell'istruzione e della formazione ed essere conseguenti (ad esempio aumentando significativamente la spesa destinata all'istruzione).
commento critico
Scritto da non-tenure-track researcher, il 20-02-2008 13:34
Non m'interessa fare le sviolinate all'articolista, come chi mi ha preceduto. Faccio un commento critico. 
 
Nell'articolo si sostiene che l'accoppiata Mussi-Modica non ha funzionato perché i due appartenevano ad aree politiche diverse dello stesso partito. Ma davvero? In Italia per stare nello stesso ministero e andare d'accordo bisogna essere, nemmeno dello stesso partito, ma addirittura della stessa corrente? 
 
Poi non si guarda al ruolo giocato dagli interessi interni all'università: 
 
- le corporazioni disciplinari hanno opposto resistenza ai tentativi di innovazione (ad esempio l'associazione dei professori di diritto amministrativo); 
 
- alcuni influenti professori-opinionisti (Settis, Pombeni etc.) hanno alzato la testa, schierandosi contro il reclutamento straordinario dei ricercatori e dunque contro lo sforzo di ringiovanimento dell'università; 
 
- la CRUI ha dismesso i panni del soggetto innovatore, come nella presidenza Tosi (almeno a parole, nei suoi documenti), ha perduto ogni velleità di contributo alla riforma dell'università, arroccandosi su stessa, anzi attirando a sé alcuni impresentabili compagni di ventura (l'autoproclamata università Koiné di Salvo Andò); 
 
- perfino le organizzazioni dei ricercatori precari sono arretrate nelle loro posizioni, manifestando rivendicazioni sempre più corporative e che hanno fatto perdere loro consenso nell'opinione pubblica (stabilizzazione non meritocratica dei contrattisti pluriennali); 
 
Come mai l'articolo non mette in luce il ruolo di queste forze endogene al sistema universitario, indugiando in congetture sulle diverse appartenenze di corrente di ministro e sottosegreatio o sulla presunta insensibilità del ministro Padoa Schioppa alla questione? 
 
La sua è un'analisi incompleta, che omette di considerare gli attori del sistema universitario.
Mussy the pussy
Scritto da France, il 19-02-2008 16:23
Lucidissima anlisi, complimenti. Illuminante,tra l'altro, l'aneddoto su Padoa-Schioppa. Sonno cose che un ministro non dovrebbe dire, come le buffonesche chiamate in correo o gli scaricabarile alla Mussi&Modica. Ma, mi permetta, un fondo di verita' nelle parole del Ministro del Tesoro, ce lo intravedo. L'Universita' (intesa come docenti, precari, studenti) dovrebbe riuscire a risolvere parte dei propri problemi in maniera autonoma, per esempio facendo vincere quei pochi concorsi ancora fattibili ai migliori, non a chi ci pare a noi. E chi viene "sconsigliato caldamente" di presentarsi, dovrebbe farlo ugualmente. E chi non vede il proprio professore che il giorno dell'esame, dovrebbe protestare. La profonda immaturita' e complicita' di tutti i livelli ad aumentare esponenzialmente il marcio esiste. Un esame di coscienza dei tre sopracitati livelli farebbe bene, ed eviterebbe che al momento di battere cassa il solito PS dicesse quel che ha detto: "che soldi volete, che fate cosi' schifo?".
Mussi vs Mussi
Scritto da Ricercatore precario, il 19-02-2008 15:52
Caro Capano, 
tra le poche cose fatte dal precedente Governo lei mette anche il regolamento sulle nuove modalità per il concorso da ricercatore, la cui attuazione, tuttavia, \"è, di fatto, demandata al prossimo governo\". In realtà, le cose non stanno esattamente così. 
Al momento, il Nuovo Regolamento è bloccato alla Corte dei Conti la quale ha sollevato numerosi rilievi; il ministro Mussi aveva tempo 30 giorni per rispondere, ma sembra che non lo abbia fatto (o almeno non risulta da nessuna nota) e questo mette del tutto fuori gioco il regolamento. 
Inoltre, a prestar fede al comunicato stampa del sottosegretario Modica (v. sito miur), al ministero c\'è stato un vero golpe che ha ottenuto come risultato il blocco di tutti i concorsi. 
E poi ci si dice che è giusta l\'esclusione dei ricercatori precari dalla stabilizzazione in Finanziaria, tanto ci saranno i concorsi. 
http://ricercatoriprecari.wordpress.com/

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il logi o registrati.

 
< Prec.