Home arrow Lavoro arrow INFLAZIONE PROGRAMMATA, INFLAZIONE IMPORTATA E INFLAZIONE EFFETTIVA: QUALE CRESCITA?
INFLAZIONE PROGRAMMATA, INFLAZIONE IMPORTATA E INFLAZIONE EFFETTIVA: QUALE CRESCITA?
Relazioni industriali
di Agostino Megale
25 luglio 2008

inflazione_programmata.jpgUna pressione inflazionistica sorge ogni qual volta i vari percettori dei redditi monetari (salari, profitti, interessi, rendite) cercano, ciascuno, di aumentare la propria quota nella distribuzione del reddito a scapito degli altri (F. Caffè, 1981). Se gli altri resistono, questa gara competitiva spinge l’insieme dei redditi monetari al di sopra della produzione possibile, portando all’effetto ultimo di un aumento dei prezzi.

Caratteristica di questa definizione è quella di comprendere sia l’inflazione dovuta all’eccesso di domanda nei mercati della produzione e dei fattori, sia l’inflazione dovuta alla spinta dei costi nei mercati dei fattori (o più in generale dal lato dell’offerta).
Eppure, la situazione attuale non richiama nessun elemento di quella definizione e, quindi, di eventuali "spirali inflazionistiche" dovute all’aumento dei redditi da lavoro: dal 1993 ad oggi, in Italia, non si verifica né un aumento della quota distributiva al lavoro, a cui invece ha corrisposto un aumento della quota dei profitti, né una crescita delle retribuzioni superiore alla produttività. La "questione salariale" rischia di tornare nell’ombra, malgrado sia ancora in cima alla lista delle priorità da risolvere, per le famiglie di lavoratori e pensionati e, più in generale, per il Paese.

Nonostante la presenza di tre indicatori dell’inflazione (NIC, FOI e IPCA), l’Istat, in Contabilità nazionale, riporta periodicamente anche il cosiddetto Deflatore dei consumi interni delle famiglie: tale indice – utilizzato peraltro dalle analisi del Centro studi della Banca d’Italia in relazione alle indagini campionarie svolte sui Bilanci delle famiglie – sembra descrivere meglio la variazione dei prezzi al consumo, in quanto riflette più correttamente l’effettivo incremento dei prezzi implicito nei consumi reali delle famiglie tra un anno e l’altro, mostrando infatti incrementi più elevati rispetto agli altri indici (0,4% annuo negli ultimi anni rispetto all’indice generale).

Ad ogni modo, già nel 2003, formulando le 8 proposte della Cgil per misurare meglio l’inflazione, avevamo scritto: "costruire pochi indicatori, incrociando situazioni familiari tipo con fasce di reddito, può consentire di avvicinare la statistica ai cittadini". In tal senso, la Cgil ha sostenuto, nella Commissione istituita presso l’Istat, la necessità di adottare come indice ufficiale l’indice armonizzato europeo (IPCA) perché più vicino al concetto di spesa reale a carico delle famiglie e perché in linea con gli altri paesi europei, nonostante, come è noto, incorpori un peso basso per le spese per l’abitazione – quelle che gli Inglesi rilevano come "Housing costs" (household's budget that goes on keeping a roof over the family's head = "i costi di un tetto per la famiglia") – considerati investimenti e non consumi. In ogni caso, cosa sarebbe successo negli ultimi 14 anni se si fosse utilizzata l’inflazione effettiva?

L’inflazione più utilizzata nei Contratti (FOI) nel periodo 1993-2007 ha contato un tasso medio annuo del 2,7%. Se avessimo utilizzato la cosiddetta "inflazione realisticamente prevedibile" (ossia l’IPCA + housing costs), praticamente allineata al Deflatore dei consumi, proposta nel documento unitario Cgil, Cisl e Uil sulle linee di riforma della contrattazione, che in quel periodo sarebbe stata pari ad un 3,1% annuo, le retribuzioni contrattuali sarebbero cresciute di uno 0,4% ogni anno, redistribuendo per questa via una parte della ricchezza prodotta solo attraverso i CCNL. Considerando che la produttività nominale è cresciuta dal 1993 al 2007 del 3,8% annuo, le retribuzioni contrattuali del 2,7% e le retribuzioni di fatto del 3,2%, con il nuovo sistema avremmo potuto ottenere una crescita media annua delle contrattuali del 3,1% e del 3,6% di quelle di fatto, con una redistribuzione più equa della produttività: poiché negli ultimi 14 anni le retribuzioni contrattuali sarebbero cresciute di 5,6 punti e le retribuzioni di fatto altrettanto.

Nel DPEF 2009-2013, il governo ha indicato un’inflazione programmata dell’1,7% per il 2008 e dell’1,5% per gli anni successivi. Salari e pensioni, che hanno già subito una fortissima riduzione del potere d’acquisto, nel biennio 2008-2009 subirebbero un’ulteriore decurtazione di oltre mille euro. Il tasso d’inflazione programmata, per essere un efficace strumento di politica economica e "tirare in basso le aspettative" e, conseguentemente l’aumento generale dei prezzi, deve essere realistico (non è mai successo tra l’altro che la differenza tra il tasso programmato e quello reale fosse, come oggi, più del 100%). Poiché le ultime stime (OCSE) indicano un’inflazione media al 3,6% per l’anno in corso, la differenza di 1,9 punti appare poco credibile. Se, infatti, nel 2005 e nel 2006 l’indice armonizzato UE (IPCA) era 2,2, per l’Italia come per l’UEM, e nel 2007 l’IPCA si fermava all’1,9% a fronte del 2,2 dell’UE a 27, da febbraio 2008, i bruschi movimenti finanziari a livello globale, l’aumento del costo del petrolio, le commodities e la ricaduta dei costi energetici hanno portato l’inflazione a giungo al 3,8 in Italia e in Europa.

In questo modo, si riduce la quota dei redditi da lavoro dipendente nella distribuzione del reddito primario, andando contro tutti i principi alla base di una politica dei redditi, il cui scopo centrale è un equilibrio del sistema fondato sull’equilibrio dei prezzi. Quale credibilità può essere assegnata a un obiettivo d’inflazione collocato addirittura al di sotto del target della BCE? Quale credibilità può avere un l’ipotesi di un rientro inflazionistico a fronte di una manifesta incapacità di porre un freno all’aumento dei prezzi delle materie prime?

Si parla perciò impropriamente di inflazione importata con l’idea di decurtare le componenti inflazionistiche "esterne" all’economia per tutelare il potere d’acquisto di salari e pensioni dall’aumento dei prezzi interni, quindi prendendo come riferimento per le retribuzioni contrattuali un’inflazione inferiore a quella generale, ma ci sono almeno tre motivazioni per cui questo è sbagliato: i) anche se nell’Accordo del 23 luglio 1993 si parlava di valutare «eventuali variazioni delle ragioni di scambio del Paese», oggi non è immaginabile agire come se avessimo ancora la Lira, senza tener presente la congiuntura internazionale; ii) nella misurazione della cosiddetta core inflation, o inflazione di fondo, costituita appunto dall’indice armonizzato europeo cui vengono esclusi i beni alimentari non lavorati e i beni energetici, si evidenzia per tutti i principali paesi industrializzati europei un differenziale tra l’indice generale armonizzato e l’inflazione di fondo attorno al punto percentuale: ad esempio, in Italia è tendenzialmente pari a 0,8 punti, in Francia e Germania 1,3 punti e in Spagna 1,4 punti; iii) la somma delle due motivazioni precedenti induce a pensare che più che un’ottica "provinciale" sarebbe necessario e utile iniziare a pensare in chiave di politica economica europea (non solo monetaria).

Tra le previsioni del DPEF, nel 2008, la variazione del deflatore del PIL viene stimata al 2,9%, a fronte di una crescita del deflatore dei consumi interni delle famiglie di 3,4 punti percentuali. Si chiede quindi ai lavoratori di rinunciare ad adeguare le proprie retribuzioni a quella parte di inflazione generata dal peggioramento delle ragioni di scambio. L’effetto inflazionistico delle ragioni di scambio è approssimato, nei quadri della Contabilità nazionale, dalla differenza fra il deflatore dei consumi delle famiglie e il deflatore del PIL. Per il 2008, il DPEF 2009-2013 stima la variazione del primo al 3,4%, l’incremento del secondo al 2,9%. Se ne ricava che nella valutazioni governative l’impatto negativo delle ragioni di scambio è commisurato a mezzo punto percentuale; dunque il rispetto degli accordi sarebbe stato coerente con la fissazione di un tasso di inflazione programmata di poco inferiore al 3,0%. Perché allora fra l’inflazione effettiva e l’inflazione programmata si propone una differenza di oltre due punti?

Con l’accentuarsi delle dinamiche inflazionistiche, inoltre, il recupero del drenaggio fiscale (D.L. n. 69/1989) torna ad avere un ruolo centrale nella politica dei redditi per la salvaguardia del potere d’acquisto, soprattutto in un contesto programmatico nel quale si prefigura una dinamica dei salari strutturalmente inferiore a quella dei prezzi di oltre due punti percentuali. Con un’inflazione effettiva al 3,6% nel 2008 il drenaggio fiscale costerà mediamente 220 euro a lavoratori e pensionati. Circa 362 euro solo ai lavoratori dipendenti.

Per queste ragioni, la manovra finanziaria presente nel Decreto 112 appare sbagliata e inadeguata, proprio a partire dall’assenza di una risposta alla questione salariale. Andrebbe invece data attuazione all’articolo 1, comma 4, della Finanziaria 2008, che destinerebbe automaticamente l’extragettito alla riduzione della pressione fiscale sul lavoro dipendente mediante un incremento delle detrazioni. Con la Piattaforma unitaria Cgil, Cisl e Uil sul fisco ("Per valorizzare il lavoro e far crescere il Paese", novembre 2007) il Sindacato ha chiesto un aumento delle detrazioni per lavoratori dipendenti e pensionati, per arrivare a circa 80-100 euro mensili di incremento del reddito disponibile netto in tre anni. Per un lavoratore dipendente l’eventuale aumento delle detrazioni – considerando anche la restituzione del fiscal drag 2008 – produrrebbe un beneficio pari a circa 500 euro nell’anno in corso e circa 1.000 euro nel triennio con un ulteriore aumento delle detrazioni per il lavoro dipendente (come proposto nella Piattaforma unitaria) nel 2009 e nel 2010, di circa 250 euro l’anno, da aumentare se la crescita sarà più sostenuta rispetto alle previsioni. Stesso discorso e stessi criteri per i pensionati.

  Commenti (1)
Scritto da Luca Manca, il 28-07-2008 09:06
Complimenti Dottor Megale per la chiarezza e la capacità di sintesi con cui ha fforntato il tema del TIP. 
 
Condivido il giudizio negativo sulla Manovra Finanziaria estiva del Governo che di fatto non contiene nessuna misura di politica economica anticiclica in grado di contrastare il rischio recessione per la nostra economia. 
 
Infine le previsioni sui conti pubblici elaborate dal Ministero delle Finanze sull'andamento del Fabbisogno Netto paiono (anche quest'anno) assai pessimistiche...a Novembre potrebbe così ripresentarsi nuovamente il rischio extra-gettito...

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il logi o registrati.

 
< Prec.   Pros. >