Home arrow Ambiente ed Energia arrow BIG SWITCH: UN NUOVO GRUPPO D’ACQUISTO NEL MERCATO ELETTRICO BRITANNICO*
BIG SWITCH: UN NUOVO GRUPPO D’ACQUISTO NEL MERCATO ELETTRICO BRITANNICO* E-mail
Ambiente ed Energia
di Pete Moorey
11 dicembre 2012
copertinaL’anno scorso, nel Regno Unito, ha preso forma l’interesse per un nuovo modo in cui i consumatori possono ottenere una migliore tariffa energetica: il Big Switch collettivo a un altro gestore.

Migliaia di consumatori si sono uniti per negoziare un affare con le società dell’energia, diventando un argomento di discussione per politici, gruppi di consumatori e per l’organo di controllo dell’energia. Naturalmente, questa non è un’idea nuova. L’acquisto collettivo di prodotti esiste da molto tempo. Ma con i prezzi dell’energia in crescita nel Regno Unito nell’autunno 2011 e per la preoccupazione che i consumatori non ricevessero un buon trattamento da parte del mercato britannico dell’energia, la gente ha iniziato a fissarsi sull’idea di un passaggio collettivo a un altro gestore come un metodo per aiutare i consumatori britannici a risparmiare sulla loro bolletta energetica.
È stato d’aiuto il fatto che contemporaneamente in giro per il mondo siano iniziate a fiorire le iniziative per il passaggio collettivo a un altro gestore. L’associazione dei consumatori australiani, Choice, nel 2011 ha organizzato un passaggio collettivo a un altro gestore nel campo delle ipoteche, e abbiamo saputo che anche l’associazione dei consumatori olandesi, Consumentenbond, aveva iniziato a organizzare dei passaggi collettivi ad altri operatori nel settore dell’energia. Nel settembre 2011, il ministro britannico per l’Energia, Chris Huhne, si è servito di un discorso programmatico per chiedere a «società amiche dei consumatori, cooperative, associazioni, enti di beneficenza per i consumatori... di fare acquisti per i clienti in modo da garantire loro di fare sempre l’affare migliore, anche se non hanno tempo di controllare personalmente». E questo ha portato il Governo a costituire un gruppo, di cui faceva parte Which?, altri gruppi di consumatori e consigli locali, per discutere come trasformare in realtà questa ambizione.
Which? aveva già valutato se il passaggio collettivo a un altro gestore - nel mercato dell’energia o in un altro - fosse uno sforzo da fare per i consumatori. Il nostro sito Internet di passaggio a un altro gestore in ambito energetico aiutava da diversi anni i consumatori a trovare le tariffe migliori, quindi dando alla gente le informazioni personalizzate di cui aveva bisogno per risparmiare sulla propria bolletta energetica. E abbiamo scoperto di non essere soli: nell’autunno 2011, il gruppo della campagna online, 38 Degrees,1 ci ha avvicinato presentandoci questa idea. Tutti questi fattori hanno portato alla creazione del Big Switch. Lanciato nel febbraio 2012, in associazione con 38 Degrees, è stato il primo passaggio collettivo a un altro gestore su scala nazionale. Anche se c’era un notevole sostegno all’idea, quando l’abbiamo lanciata sapevamo che non sarebbe stato facile. In precedenza, nel Regno Unito non era mai stato tentato nulla su una scala così vasta, particolarmente in un mercato dominato dall’inerzia, dove i gestori del settore hanno un interesse nascosto a mantenere le cose come stanno.
La buona notizia è stata che abbiamo avuto una risposta incredibile. Più di 285mila persone si sono iscritte al progetto per avere un’offerta migliore. La reazione di alcuni dei fornitori di energia è stata meno che entusiastica. Infatti, due dei principali fornitori ci hanno detto che il Big Switch non avrebbe mai avuto successo. Anche se speravamo che vi avrebbe preso parte il maggior numero di fornitori possibile, sapevamo che non tutti potevano essere sufficientemente concorrenziali da battere le offerte più basse già disponibili sul mercato. Perciò, siamo stati contenti che cinque fornitori - fra piccoli e grandi - si siano registrati per farne parte. Il risultato finale è stato che Co-operative Energy, una piccola società dell’energia che in quel momento aveva soltanto un anno di vita, ha battuto le migliori offerte presenti sul mercato e ha vinto in tutte e tre le categorie tariffarie.
Ancora migliore è stato il risultato raggiunto dal Big Switch per i consumatori che vi hanno preso parte. Abbiamo stimato che, grazie al Big Switch, più di 200mila famiglie avrebbero potuto risparmiare circa 123 sterline all’anno, circa il 10% della bolletta energetica media del Regno Unito. Per coloro che avevano i piani più costosi sul mercato energetico, il cambiamento avrebbe potuto ridurre le loro bollette di ben 200 sterline. Ciò significava che se tutti coloro che si erano iscritti avessero fatto il cambio di gestore, si sarebbe ottenuto un risparmio totale di 25 milioni di sterline sulle bollette energetiche delle famiglie.
Naturalmente, non tutti coloro che si sono iscritti alla fine hanno fatto il cambio. Abbiamo sempre saputo che fra le persone disposte a cambiare effettivamente il loro fornitore di energia ci sarebbe stato un notevole drop off, particolarmente se si tiene conto dell’inerzia che esiste nel mercato energetico del Regno Unito. Ciò si è mostrato in tutta la sua evidenza nei progetti di passaggio collettivo a un altro gestore realizzati in tutto il mondo. Alla fine, siamo stati contenti che più di 37mila persone abbiano cambiato il loro fornitore. Le persone che hanno effettuato il passaggio hanno risparmiato in media 223 sterline e ciò ha portato a un risparmio collettivo totale di 8 milioni di sterline.

* La versione integrale sarà pubblicata sul numero 3/2012 nella rivista Cosumatori, Diritti e Mercato
  Commenti

Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Effettua il logi o registrati.

 
< Prec.   Pros. >