Home arrow Pubblica amministrazione
LO STRABISMO DEL SEMPLIFICATORE E-mail
di Alessandro Natalini
26 febbraio 2010
semplificazioneIl Governo Berlusconi ha ereditato dall’Esecutivo precedente una serie di iniziative di semplificazione deboli e poco amalgamate tra loro anche a causa della scarsa coesione della maggioranza parlamentare che avrebbe dovuto sostenerle.
fb

 
PROTEZIONE CIVILE A RESPONSABILIT└ LIMITATA E-mail
di Alfredo Fioritto
26 febbraio 2010
protezione civilel rischio che si corre, oggi, nel parlare della protezione civile è quello di confondere i diversi piani di un discorso che dovrebbero, invece, restare separati; assistiamo, al contrario, al solito guazzabuglio in cui le posizioni ideologiche e di schieramento sostituiscono il ragionamento e l’analisi.
fb

 
NORMA ATTIVA MA NON TROPPO E-mail
di Bernardo Giorgio Mattarella
11 febbraio 2010
leggiNell’ottobre 2009, il Governo promise che «dall'inizio del 2010 ogni cittadino potrà consultare gratuitamente tutte le leggi vigenti, attraverso una banca dati pubblica e gratuita». L’anno è iniziato, ma tutto ciò che il cittadino può vedere è la pagina iniziale di un sito internet che fa nuove promesse. Confidiamo che, prima o poi, le leggi vigenti saranno effettivamente disponibili per tutti: sarà un grande passo in avanti.
fb

 
MINISTERO DEGLI ESTERI, COSA CAMBIA CON LA RIFORMA* E-mail
di Raffaello Matarazzo
12 gennaio 2010

ministero_degli_esteri_matarazzo.jpgDovrebbe diventare operativa già nella prossima primavera/estate l’attesa riforma del Ministero degli esteri recentemente passata al vaglio del Consiglio dei ministri. Adeguando la struttura del Mae a quelle dei principali partner europei, la riforma prevede una riduzione delle direzioni generali da tredici a otto, divise non più per aree geografiche ma per grandi temi; l’avvio di un rapporto stabile e strutturato tra Ministero degli esteri (Mae) e Ministero dell’economia (Mef); la creazione della figura degli ambasciatori manager, che saranno chiamati a gestire in modo sempre più autonomo ed imprenditoriale i bilanci delle sedi all’estero.

*Articolo pubblicato anche su AffarInternazionali.it

fb

 
ABOLIZIONE DIFENSORI CIVICI:ESTRANEIT└ ALLA CULTURA ISTITUZIONALE ITALIANA O FALLIMENTO POLITICA? E-mail
di Alberto Massera
17 dicembre 2009

difensore_civico_massera.jpgLa legge finanziaria per il 2010 abolisce, con misura cogente, il difensore civico costituito presso le amministrazioni locali nel quadro delle misure per il contenimento della spesa in corrispondenza con la riduzione del contributo ordinario dello Stato.  La previsione normativa sembra confermare la diffidenza e le difficoltà che incontrano, nell’esperienza istituzionale del nostro Paese, istituti volti a conformare "altrimenti" le relazioni amministrazione-cittadino.

fb

 
IL TAGLIA-LEGGI: ELEMENTI PER UN PRIMO BILANCIO (A RIDOSSO DEL 16 DICEMBRE 2009)* E-mail
di Nicola Lupo, Bernardo Giorgio Mattarella
04 dicembre 2009

taglia-leggi_lupo.jpgLa ghigliottina del meccanismo "taglia-leggi", come disegnato nel 2005, sarebbe dovuta scattare il 16 ottobre 2009, ma in realtà è destinata a completarsi solo nel 2012. L’attuazione è consistita finora solo nel censimento della legislazione e nella abrogazione esplicita di leggi già desuete. È la premessa per un vero lavoro di semplificazione, ancora tutto da fare. Nonostante i toni trionfalistici del Governo, i benefici per i cittadini e per le imprese sono ancora lontani. E, mentre si tarda a riordinare sul serio la legislazione, si legifera in modo caotico.

fb

 
TEMPI DI SPOILS SYSTEM E-mail
di Luisa Corazza, Bernardo Giorgio Mattarella
29 settembre 2009

spoils_system_corazza_mattarella.jpg

Lo scorso ottobre i Ministri del Lavoro e delle Pari opportunità hanno revocato la Consigliera Nazionale di parità per non aver agito "in sintonia con gli indirizzi politici del Governo in carica". All’inizio dell’estate, il TAR Lazio si è pronunciato a favore della legittimità della revoca. Sono i segni dei tempi: tempi in cui i politici ritengono di poter occupare qualsiasi carica pubblica, facendo piazza pulita dei funzionari nominati dalle precedenti maggioranze; gli amministratori si rassegnano, rinunciando alle loro responsabilità, magari in cambio di soldi; i giudici si limitano a censurare qualche eccesso e a controllare il rispetto delle procedure.

fb

 
LO SPOILS SYSTEM SI APPLICA AGLI ORGANISMI DI GARANZIA?UNA RISPOSTA (DELUDENTE) DA PARTE DEL GIUDICE E-mail
di Claudia Tubertini
29 settembre 2009

spoils_system_tubertini.jpg

Un tema ancora poco dibattuto è quello degli organi cd. "di garanzia", istituiti dal legislatore su impulso di normative sovranazionali, o sull’esempio di modelli stranieri, ma spesso non accompagnati da un adeguato investimento, né in termini di competenze, né in termini di poteri e di risorse; sicché, l’impressione è che al riconoscimento di compiti di elevato spessore, da esercitarsi in "piena autonomia funzionale", non si accompagni un adeguato status giuridico. 
fb

 
PERCORSI DI TRASPARENZA, MERITO E RESPONSABILIT└ SOCIALE PER LA P.A. ITALIANA* E-mail
di Alfredo Ferrante
17 luglio 2009

funzione_pubblica_ferrante.jpgTornano ciclicamente il richiamo all’etica pubblica e la richiesta di un cambiamento culturale, prima che normativo, volti a rendere trasparente l’azione pubblica. Il tema si collega alla questione della responsabilità sociale delle – e nelle – pubbliche amministrazioni, con ciò intendendo se e come le organizzazioni pubbliche possano andare oltre il dato normativo, nell’interpretare le esigenze dei cittadini e massimizzare il bene collettivo, attingendo ad una cassetta degli attrezzi che comprende strumenti diversi (bilanci sociali, acquisti verdi, clausole sociali e così via).

fb

 
LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO OVVERO LA DOPPIA FACCIA DELLA MEDAGLIA E-mail
di Roberto Romei
17 luglio 2009

lavoro_pubblico_romei.jpgLa riforma del rapporto di lavoro pubblico firmata dal Ministro Brunetta non ha trovato in genere una buona accoglienza. La riforma si propone obiettivi ambiziosi ed anche condivisibili in linea di massima, ma la sua realizzazione presenta più di un aspetto discutibile. La freddezza se non l’ostilità che si è attirata sono dunque giustificate, ma ai difensori dello status quo occorrerebbe dire che…. Il Governo dunque si appresta a varare l’ennesima Grande Riforma del lavoro pubblico, a firma dell’ineffabile Ministro Brunetta, che si propone con un unico provvedimento di riformare, incentivare, moralizzare e rendere infine trasparente l’elefantiaco mondo del lavoro pubblico.

fb

 
RIFLESSIONI SUL DOPO-TERREMOTO E-mail
di Luigi Buzzacchi, Gilberto Turati
12 giugno 2009

ricostruzione_buzzacchi.jpgÈ di questi giorni la notizia che il Governo finanzierà al 100% e senza limiti di importo (contrariamente alle prime bozze del decreto legge che prevedevano un limite di 150.000 euro) la ricostruzione o la ristrutturazione dell’abitazione principale delle famiglie duramente colpite dal terremoto del 6 aprile scorso. Il provvedimento si inserisce in un piano che – sulla base dei dati ufficiali forniti dal Governo(1) – prevede uno stanziamento di 8 miliardi di euro da spendere nei prossimi 3 anni, di cui 1,5 miliardi per la gestione dell’emergenza e i rimanenti 6,5 per avviare l’opera di ricostruzione: è quindi probabile che a questi denari se ne aggiungano altri.

fb

 
ASSICURAZIONE PUBBLICA CONTRO LE CALAMIT└ NATURALI E-mail
di Angelo Baglioni, Michele Grillo
12 giugno 2009

terremoto_abruzzo_grillo.jpgIl terremoto a l’Aquila ha riproposto il tema dell’assicurazione contro le calamità naturali (che includono non solo terremoti, ma anche maremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, inondazioni e frane). Al contrario che in altri paesi europei, in Italia manca una regolamentazione. La Commissione Tecnica per la Spesa Pubblica propose nel 1995 una disciplina del fenomeno, con l’introduzione di una assicurazione privata obbligatoria. Inserita negli anni successivi nelle prime versioni di diverse leggi finanziarie, questa proposta però non ha mai avuto uno sbocco normativo.

fb

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Pross. > Fine >>

Risultati 37 - 48 di 57