Home arrow Europa
VERSO UN’AUTORITÀ EUROPEA PER LA FINANZA? E-mail
di Concetta Brescia Morra
08 giugno 2012
finanza europaLa crisi di un grande gruppo creditizio, Bankia, e il timore della diffusione di panici bancari hanno posto sul tavolo della discussione in Europa gli interventi per banche in difficoltà e l’accentramento delle competenze per la supervisione sui gruppi transnazionali. Alcuni passi in questa direzione sembrano improrogabili.
fb

 
UN’IMPRESA ARDUA: SALVARE L’EURO CON L’INGEGNERIA FINANZIARIA SENZA STAMPARE MONETA E-mail
di Emilio Barucci
08 giugno 2012
europaNegli ultimi dodici mesi il salvataggio dell’euro è sembrato passare tramite la progettazione di strumenti assai diversi tra loro. Nell’ordine di tempo: EFSF per soccorrere gli Stati, ESM, Eurobonds, fondo di redenzione del debito pubblico, fondo di garanzia dei depositi, EFSF per la ricapitalizzazione delle banche.
fb

 
“LE STESSE COSE RITORNANO”: QUELLO CHE NON VA NELL’APPROCCIO ALL’EURO E-mail
di Francesco Farina
30 maggio 2012
approccio euroIl vertice dei ministri economico-finanziari europei della notte del 23 maggio si è concluso con la consueta dichiarazione di ineludibilità dei vincoli del Fiscal Compact, con un’apertura sui “Projectbond” e con la semplice inclusione nell’agenda del vertice “ufficiale” del 28 giugno del tema degli “Eurobond”.
fb

 
L’AFFAIRE BANKIA: UN ULTERIORE PASTICCIO PER L’EURO?* E-mail
di Emilio Barucci
30 maggio 2012
bankiaAdesso le notizie preoccupanti vengono dalla Spagna: venerdì il governo spagnolo annuncia che deve intervenire per salvare Bankia (la terza banca del paese) con un’iniezione di 19 miliardi di euro, ieri il governatore della banca centrale spagnola annuncia le sue dimissioni.
fb

 
TOO LITTLE, TOO LATE? E-mail
di Gian Luigi Tosato
30 marzo 2012
crisi economicaTroppo poco, troppo tardi: è questo il leit-motiv a proposito di come l’Europa si è mossa di fronte alla gravissima crisi economica e finanziaria che l’ha colpita. La critica è di sicuro fondata; le misure necessarie sono arrivate solo in extremis, quando erano inevitabili per evitare il disastro.
fb

 
SULLA CRISI DELL’EURO: POCHE RONDINI POSSONO FARE PRIMAVERA?* E-mail
di Marcello Messori
27 gennaio 2012
crisi euroIn questi primi giorni del 2012, nonostante l’incombente recessione e le negative valutazioni delle agenzie di rating, le tensioni nell’ambito dell’Unione economica e monetaria europea (Uem) sembrano essersi allentate.
fb

 
ITALIA, EUROPA. ATTO SECONDO E-mail
di Roberto Tamborini
23 dicembre 2011
italia europaNelle ultime tre settimane si sono scoperte due carte importanti della partita della crisi. E' stata definita la manovra italiana, ed è stata varata la riforma di alcune istituzioni europee. L'Italia ha fatto il suo compito a casa, l'Europa no. Non sorprende che l'andamento della crisi non sia migliorato.
fb

 
COME SI GERMANIZZA L'EUROPA E-mail
di Francesco Farina
16 dicembre 2011
germanizzare europaNessuno si faceva illusioni. Andando all’osso, il supervertice europeo si è concluso con la vittoria del metodo intergovernativo. Non che le decisioni assunte dai 26 membri dell’Unione europea (nel caso in cui tutti i paesi non-euro, Regno Unito escluso, si accoderanno ai 17 dell’Eurozona) siano del tutto chiare.
fb

 
SE IL “METODO INTERGOVERNATIVO” RISCOPRISSE L’INTEGRAZIONE EUROPEA… E-mail
di Francesco Farina
09 dicembre 2011

europa.jpgIn attesa dei risultati della “due giorni” di vertici europei, una riflessione a più ampio raggio. Nella nebbia sul futuro dell’Europa una sola cosa appare con nitidezza: ammesso che la crisi dell’Eurozona sarà superata, oggi non è il “metodo comunitario” di Bruxelles, ma sono i governi dei paesi “forti” - il “metodo intergovernativo” di Berlino e Parigi - alla guida dell’integrazione europea. Fra i tanti segnali in tal senso che negli ultimi tempi si sono accumulati, basterà citare il fatto che a tenere in pugno il destino dell’Eurozona di fronte all’assalto dei mercati finanziari non è il presidente del Consiglio europeo van Rompuy, oppure il presidente della Commissione europea Barroso, ma l’iniziativa dei leader nazionali di Germania e Francia.  

fb

 
IL RISANAMENTO ECONOMICO NON BASTERÀ A SALVARCI E-mail
di Francesco Farina
18 novembre 2011
risanamento economicoE’ ben noto che economia e politica sono fortemente intrecciate.  Ciò rendere difficile valutare l’attacco all’Eurozona separando la motivazione della ricerca del profitto dalla motivazione della grande finanza internazionale di difendere il suo potere sulla scena politica internazionale. Prescindiamo perciò dal dibattito sulla volontà o meno dei banchieri che si riuniscono a New York ogni lunedì mattina di sbarazzarsi dell’Euro per motivi politici.
fb

 
ITALIA E EURO: I LIMITI DELL'AZIONE POLITICA E-mail
di Marcello Messori
11 novembre 2011
italia euro
Le riunioni delle istituzioni dell’Unione europea (Eu) e dell’Unione monetaria europea (Emu), che si sono susseguite nella seconda metà dello scorso mese di Ottobre, e il G20 di Cannes, che si è svolto all’inizio di Novembre  e che si è ampiamente occupato della crisi europea dei debiti sovrani, hanno prodotto esiti giudicati deludenti.
fb

 
EURO NEUROSIS IN GERMANY E-mail
di Hans-Michael Trautwein
14 ottobre 2011
euroMany of the current debates about the European Monetary Union show symptoms of neurosis. Obsessions, anxiety, and hysteria shine through in the ways in which the media, the wider public, but also a large number of politicians and experts comment on the political processes around the European Stabilization Mechanism (ESM).
fb

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 37 - 48 di 84