Home arrow Liberalizzazioni
Liberalizzazioni
LIBERE PROFESSIONI: LA RIFORMA INCOMPIUTA* E-mail
di Raffaello Sestini
30 ottobre 2009

cdm_n.3_2009.jpgSi parla ormai da decenni della riforma delle attività professionali, che da qualche tempo è oggetto di un aspro confronto. Sono sempre più pressanti, infatti, le esigenze di modernizzazione e riqualificazione dei servizi professionali, a partire dall’ingresso dei giovani e da una maggiore tutela del cittadino consumatore, in quanto l’attuale sistema ha un alto costo economico, sociale e civile, sotto il plurimo profilo dell’onerosità dei servizi disponibili per imprese e consumatori, della chiusura ai giovani ed ai nuovi operatori economici e della mancata possibilità di scelta e di valutazione dei risultati da parte del consumatore, con il rischio di un progressivo impoverimento dei servizi professionali e di un loro appiattimento in prevalenti attività di mera intermediazione, suppletiva rispetto alla carenza di regole e strutture pubbliche adeguate.
*Anticipazione da Consumatori, Diritti e Mercato

fb

 
LA CLASS ACTION VISTA DALLA STAMPA ITALIANA* E-mail
di Antonio Longo
30 ottobre 2009

cdm_n.3_2009.jpgL’introduzione della class action nel nostro ordinamento ha riempito le cronache e ha animato un vivace dibattito nel 2008, ancora non esaurito, a causa dei ripetuti rinvii e della formulazione delle procedure, che sembrano scontentare tutti, consumatori, avvocati e giudici, imprese. Come hanno raccontato questa vicenda i maggiori quotidiani?
*Anticipazione da Consumatori, Diritti e Mercato

fb

 
REVISIONE DEL CONSUMER ACQUIS IN EUROPA* E-mail
di Ursula Pachl
30 ottobre 2009

cdm_n.3_2009.jpgLa proposta della Commissione sui diritti dei consumatori1 solleva molti dubbi e suscita riflessioni relativi al suo fondamento stesso, al suo effetto sullo sviluppo della politica e della legislazione a tutela del consumatore in Europa e, in particolare, all’impatto che avrebbe negli ordinamenti giuridici di alcuni Stati membri. Applicare il principio dell’armonizzazione totale al diritto contrattuale dei consumatori europei è al centro del processo di riesame sul "consumer acquis" da parte della Commissione.
*Anticipazione da Consumatori, Diritti e Mercato

fb

 
TUTELA DEI RISPARMIATORI: MENO SPAZIO ALL'ANTITRUST* E-mail
di Pier Luigi Parcu
03 luglio 2009
cdm 2-2009Il D.lgs. 2 agosto 2007, n. 146, ha trasposto le disposizioni della direttiva comunitaria 2005/29/CE nel Codice del Consumo. La disciplina intende imporre ai professionisti comportamenti virtuosi, in particolare in termini di completezza e non ingannevolezza delle informazioni fornite e, elemento anche più innovativo, in termini di piena correttezza delle condotte poste in essere nei confronti dei consumatori.
*Anticipazione da Consumatori, Diritti e Mercato

fb

 
IL CONTRATTO DI RETE: UNO STRUMENTO PER LA CRESCITA? E-mail
di Fabrizio Cafaggi
24 aprile 2009

reti_di_imprese_cafaggi.jpgE’ nata la disciplina del contratto di rete. Uno strumento attraverso cui imprese italiane e straniere potranno costituire nuove forme di collaborazione, dedicate a realizzare progetti comuni diretti allo sviluppo produttivo ed all’innovazione. Risponde ad un’esigenza delle imprese, in particolare quelle piccole e medie, d’innovazione organizzativa che la riforma del diritto societario del 2003 è stata in grado di soddisfare solo parzialmente.

fb

 
AIR - ALLERGIA ITALIANA ALLA RAZIONALITÀ E QUANTIFICAZIONE E-mail
di Giuseppe Coco
13 marzo 2009

impatto_regolazione_coco.jpgA dieci anni dall’istituzione dell’AIR, un nuovo regolamento ne semplifica l’applicazione nel tentativo di ottenere valutazioni quantitative minime dalle Amministrazioni. Tuttavia le cause del fallimento precedente non sono state rimosse e la persistenza di numerose esenzioni determinate in termini generici condiziona le possibilità di successo del tentativo, se sarà non sostenuto da un impegno politico forte e da un adeguato sforzo organizzativo. Sono passati esattamente dieci anni dalla pubblicazione della Legge 50/1999 che prevedeva all’art. 5 l’istituzione dell’Analisi di Impatto della Regolamentazione nel nostro ordinamento, senza che questa istituzione abbia modificato il processo normativo.

fb

 
LA MODIFICA DELLA PASSIVITY RULE NELLA NORMATIVA SULLE OPA: UN’OCCASIONE RITROVATA? E-mail
di Nemo
09 gennaio 2009
consob_nemo.jpg

La modifica della cosiddetta passivity rule, recentemente effettuata dal Governo attraverso il decreto legge c.d. anticrisi (n. 185/2008), ha eliminato l’obbligo di neutralità degli amministratori nel corso di un’Opa. I pochi commenti a questo importante cambiamento si sono finora concentrati prevalentemente sulla caratterizzazione politica di questa modifica, di cui è stata criticata la finalità protezionistica rispetto al rischio di scalate ostili da parte di soggetti esteri nei confronti di importanti società quotate italiane.

fb

 
CRISI FINANZIARIA E REGOLAZIONE: ALDILA' DEI LUOGHI COMUNI E-mail
di Emilio Barucci
22 dicembre 2008

financial_stability_forum.jpgLa crisi finanziaria ha dato la stura ad un ‘‘processo’’ nei confronti del paradigma di politica economica che si è andato consolidando negli ultimi venti anni. Un impianto caratterizzato da quattro ‘‘pilastri’’: privatizzazione (proprietà privata piuttosto che pubblica), liberalizzazioni (iniezioni di concorrenza nei mercati), regolazione (definizione di tariffe, politiche di accesso a monopoli naturali, tutela di attori di mercato ‘‘deboli’’), globalizzazione (apertura dei mercati dei capitali e dei beni, superamento di istanze protezionistiche).

fb

 
AGENDA 2009. LA TUTELA COLLETTIVA DEL CONSUMATORE: NUOVI RIMEDI PER NUOVI DIRITTI E-mail
di Fabrizio Cafaggi
19 dicembre 2008
tutela_consumatori.jpgLa creazione del mercato unico e la crisi rimettono al centro dell’agenda politica la tutela del consumatore. Una tutela che si arricchisce di aspetti nuovi, legati alla recessione e dunque al tema dell’accesso a beni e servizi, imponendo di rivedere gli obiettivi della regolazione, almeno nel breve periodo. fb

 
QUALE TUTELA PER GLI AZIONISTI E GLI OBBLIGAZIONISTI? E-mail
di Pierpaolo Marano
06 novembre 2008

marano_alitalia.jpgTra le disposizioni contenute nel c.d. decreto Alitalia, una riguarda i <<piccoli azionisti ovvero obbligazionisti>> di Alitalia – Linee aeree s.p.a. Costoro sono ammessi ai benefici di cui all’art. 1, comma 343, della legge 23 dicembre 2005, n.266 secondo le condizioni e i modi determinati da un successivo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

fb

 
POVERI... "IN BOLLETTA" E-mail
di Paola Valbonesi
24 ottobre 2008

energia_ambiente_valbonesi1.jpgL'attuazione delle riforme di liberalizzazione nei settori delle public utilities, l'incessante trend positivo del prezzo dei prodotti energetici e l'adozione di misure di tutela ambientale sono tutti fattori che recentemente hanno contribuito a far registrare nella maggior parte dei paesi europei consistenti incrementi nei prezzi di servizi essenziali quali acqua, luce e gas. E la crescita dei prezzi di queste utilities "di base" non sembra trovare ragione alcuna per arrestarsi nel medio periodo.

fb

 
LA RIFORMA DELLE NORME DEL CODICE CIVILE SUI BENI PUBBLICI, DIMENTICATA DAL GOVERNO E-mail
di Mauro Renna
18 settembre 2008

renna_codice civile.jpgNello scorso mese di febbraio la Commissione incaricata dal Ministro della giustizia di redigere uno schema di disegno di legge delega per la riforma delle norme del codice civile sui beni pubblici ha concluso i suoi lavori. Scopo dell’incarico ricevuto dalla Commissione, presieduta da Stefano Rodotà, era quello di riformare la disciplina codicistica dei beni pubblici, mai modificata dal 1942 sino ad oggi, nonostante l’entrata in vigore della Costituzione e le trasformazioni sociali ed economiche, scientifiche e tecnologiche, intervenute da allora fino ai giorni nostri.

fb

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Pross. > Fine >>

Risultati 25 - 36 di 47